Skip to content

Reddito di Cittadinanza

requisiti per richiedere il Reddito di Cittadinanza:

  • cittadinanza italiana o europea o soggiornante lungo periodo e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa
  • avere un ISEE in corso di validità inferiore a € 9.360
  • possedere un patrimonio immobiliare, diverso dalla prima abitazione, non superiore a € 30.000
  • avere un patrimonio finanziario non superiore a € 6.000 (incrementato in virtù del numero dei componenti il nucleo e delle eventuali disabilità)
  • avere un reddito familiare inferiore a € 6.000 moltiplicato per la scala di equivalenza, elevato a € 9.360 nel caso l’abitazione sia in affitto
  • il RDC è compatibile con il godimento della NASpi, DIS-COLL e di altro strumento di sostegno al reddito. l’importo dell’assegno è determinato tenendo conto del numero dei componenti il nucleo famigliare
  • il beneficio economico si compone di una integrazione del reddito famigliare e di

un’integrazione del beneficio, pari al canone di locazione. L’importo complessivo delle due componenti, non può superare € 9.360 annui (€ 780 mensili).

  • il RDC decade nel caso di:
  • mancata dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro
  • non viene sottoscritto il patto per il lavoro
  • non partecipa alle iniziative di carattere formativo o di riqualificazione o di altra iniziativa attiva
  • non aderisce ai progetti utili alla collettività
  • non accetta almeno una di tre offerte di lavoro congrue, oppure in caso di rinnovo, la prima offerta di lavoro congrua
  • non comunica l’eventuale variazione della condizione occupazione oppure rilascia dichiarazioni non veritiere, producendo così un beneficio del RDC maggiore
  • non presenta una DSU aggiornata in caso di variazione del nucleo famigliare
  • venga trovato a svolgere attività di lavoro dipendente, senza averlo comunicato